Carriages impress at De Haar Castle

by Mario Broekhuis, photography Arianne Iking en Arthur van der Vlies.








“More impressive than I had realized beforehand”, Anetta de Jong beamed during the presentation of the four restored carriages with horses and all on the Grand Cour, the square in front of Castle de Haar. As director of the castle, she saw the importance of nurturing this heritage as well and knew that with the return of the carriages, after sixty years, a part of De Haar would be revived, but now the hunting break is actually driving through the gates and 24 horses' hooves clattering over the bridge is an experience that does stir things up.


In an old photo, Baron Etienne van Zuylen van Nijevelt poses on the box of the same hunting break that drives through the gatehouses on the third Saturday of October. It is a picture of a company having fun and where the baron shows that he can steer around with six horses. That's a sport. A great art in fact, because few people did and imitate him. In the photo, on the back left of the servant's seat of the carriage, there is a man in some sort of uniform and a horn. That man is a groomsman who pretends to be the guard of an English stagecoach, a so-called guard. Such a guard was employed by the postal service around 1800, hence the uniform, had a clock to keep the carriage running on time and the key for the luggage room, where the mailbags also contained money, bills of exchange and other valuables. A hundred years later, around 1900, in the time of Baron Van Zuylen, such a man is part of the job to complete the picture and to happily blow the horn – the coach horn.


Finishing touch

We are now well over a century later, 2021. The return of the carriage (built by Mühlbacher of Paris), after it has been in the depot of the National Carriage Museum in Leek for sixty years and has been carefully restored in the past two years 'with the possibility of occasional use', is a wonderful excuses to find someone again who can put the carriage in the same place with six greys and with the same skill. That person is stable owner Jack van den Broek and he lets his Gelderland grays go around at a leisurely trot until in front of the platform. And on the back is a Belgian, Henk Desitter, put on a diet for this occasion to fit into his silk jacket again. The former guard of Baron Casier had not blown the horn for twelve years, by now blowing the bagpipes. But when he picked up the horn it turned out that he could no longer blow on it – the bagpipes had left him with the technique. Now weeks of intensive practice later, Henk is blowing on the wobbly carriage, like a ballet dancer, sometimes in fear for his life, while the guests at De Haar enjoy themselves. Like the icing on the cake! The picture is complete again.


From the most beautiful side

Another old photo shows how the Van Zuylen van Nijevelt family had the calèche (also Mühlbacher) pose in front of the castle, with two postillions on horseback and a rider who preceded the harness. The turnout stands actually wrong in front of the plateau, because normally a carriage always drives clockwise in front of the door of the house. That's because the whole protocol is designed for this: even the cockade, the decoration of the coachman's hat, is on the left, the side where the passengers board. Yet it is not done in that old photo, because for the photo it was nicer to do it the other way around: if you take the photo from the middle of the square, the postilions disappear in the background. The left side is nicer. You only find out if you start reconstructing such a photo. To recreate that record, the coachmen of the Royal Stables in The Hague were called upon, because driving a team from the saddle, so as a postilion is really only something you can still learn there. Bryan Vader, for example, can do that and he takes the lead from the back. Marco Looye also knows the so-called à la Daumont driving as a former coachman of the Royal Stables like no other and has a four-in-hand grays himself. But his horses are too temperamental to do this, which is why the four horses were hired from stables Joosen from Breda. And then a rider in front, that had a reason. Because a calèche has no box seat, so that the passengers have an unobstructed view and spectators along the road can see them well, so that there is no more space on the carriage for grooms - two footmen sit on the back to hold up the doors. The groom, in fact the horse servant, rides forward on horseback to clear the way. As soon as the turnout is at the door of the house, the rider - in our case Melissa Ransquin from Ternat - turns her horse towards the carriage to greet simultaneously with the postilions at the same time. And with that, this photo has also been reconstructed, for which even one of the lackeys on the back was 'borrowed' from The Hague.


The lady & Impressive

There are no photos from that time of the Spider-Phaeton. But during the restoration we discovered that Stephanie, the sister of the baron, had shares in the Dutch factory -Ingenhoes in De Bilt- where this carriage was built. It is therefore likely that it was her carriage. And during the periods that Stephanie stayed at De Haar, there were chestnut horses in front of the servant carriages. Again, it is plausible that she did not drive there with a grey, but with a chesnut. With this in mind, Stephanie van Zuylen van Nijevelt's turnout has been reconstructed. Not so far away, in Breukelen, Melissa van den Heuvel has a luxurious chesnut, one that is called Imposant. And what could be better with a sporting carriage with a feminine appearance like the Spider-Phaeton, than a 'classy lady' and an impressive horse. It is elegance at its best, as it was not out of place at De Haar around 1900.

May a Spider-Phaeton be a bit extravagant, otherwise so is the Victoria-Grand Duc (by Snutsel of Bruxelles) with a coachman on the box. That coachman, and the groom in the back belong to do their job modestly as they are servants. Paul De Meuter and Eric Oltmans came over from Ternat in Belgium for this task with their Spanish thoroughbreds. They thought it was special to do. “We have made history after all,” Eric says proudly afterwards. Whatever the case, at least history has been relived.


Of course, the return of the four carriages to De Haar Castle, near Utrecht in The Netherlands, is not about taking two photos, although the time has been set for that in the morning. It is much more important that representatives of the funds that made a financial contribution to the restoration and policy makers in the heritage sector, i.e. the invited guests, discover the importance of 'a carriage' and how such a museum object can appeal to the imagination. This is sorely needed, because although much attention is paid to monumental buildings, gobelins on the walls or paintings by old masters, De Haar's carriages are at least as valuable for telling the story 'from then' and that needs support.


This was one of the projects initiated and executed by the Dutch Horse Drawn Heritage Foundation (www.hippomobielerfgoed.nl)




Le Carrozze a passeggio in Haar Castle Olanda

di Mario Broekhuis, photography Arianne Iking en Arthur van der Vlies.


“Più impressionante di quanto mi fossi reso mai conto prima”, ha dichiarato raggiante Anetta de Jong durante la presentazione delle quattro carrozze con cavalli restaurate e tutte sulla Grand Cour, la piazza di fronte al Castello di Haar. Come direttrice del castello, ha visto l'importanza di tener conto anchedi questo patrimonio e sapeva che con il ritorno delle carrozze, dopo sessant'anni, una parte di De Haar sarebbe stata rianimata, ma ora la squadra di caccia sta effettivamente attraversando i cancelli e 24 zoccoli di cavalli che sferragliano sul ponte è un'esperienza che crea emozione. In una vecchia foto, il barone Etienne van Zuylen van Nijevelt posa sulla cassa della stessa carrozza di caccia che attraversa le portinerie il terzo sabato di ottobre. È l'immagine di una compagnia che si diverte e dove il barone mostra di saper sterzare con sei cavalli. Questo è uno sport. Una grande arte insomma, perché in pochi lo hanno fatto e lo imitano. Nella foto, in fondo a sinistra del sedile del groom della carrozza, c'è un uomo con una specie di uniforme e un corno. Quell'uomo è un testimone dello sposo che finge di fare la guardiania di una diligenza inglese, la cosiddetta" guardia". Tale guardia era alle dipendenze del servizio postale intorno al 1800, da qui l'uniforme, aveva un orologio per far arrivare la carrozza in orario e la chiave per il deposito bagagli, dove i sacchi della posta contenevano anche denaro, cambiali e altri oggetti di valore. Cento anni dopo, intorno al 1900, ai tempi del barone Van Zuylen, un uomo simile fa parte del lavoro per completare il quadro e suonare allegramente il corno.


Tocco finale

Siamo ormai a più di un secolo dopo, nel 2021. Il ritorno della carrozza (costruita da Mühlbacher di Parigi), dopo che è stata per sessant'anni nel deposito del Museo Nazionale delle Carrozze a Leek ed è stata accuratamente restaurata negli ultimi due anni 'con la possibilità di un uso occasionale', è una splendida scusa per ritrovare qualcuno che possa mettere la carrozza nello stesso posto con sei grigi e con la stessa abilità. Quella persona è il proprietario della stalla Jack van den Broek e lascia che i suoi grigi di Gelderland vadano in giro a passo lento fino alla banchina. E sul retro c'è un belga, Henk Desitter, messo a dieta per questa occasione per rientrare nella sua giacca di seta. L'ex guardia del barone Casier non suonava il corno da dodici anni, ormai suonava la cornamusa. Ma quando ha preso in mano il corno si è scoperto che non poteva più soffiarci sopra: le cornamuse gli avevano lasciato la tecnica. Dopo settimane di pratica intensiva, Henk sta soffiando sulla carrozza traballante, come un ballerino, a volte temendo per la sua vita, mentre gli ospiti di De Haar si divertono. Come la ciliegina sulla torta! Il quadro è di nuovo completo.

Dal lato più bello

Un'altra vecchia foto mostra come la famiglia Van Zuylen van Nijevelt avesse la rimessa del calèche (anche Mühlbacher) davanti al castello, con due postiglioni a cavallo e un cavaliere che precedeva i finimenti. L'affluenza si trova in realtà storta davanti al pianoro, perché normalmente una carrozza guida sempre in senso orario davanti alla porta di casa. Questo perché tutto il protocollo è pensato per questo: anche la coccarda, la decorazione del cappello del cocchiere, è a sinistra, il lato dove i passeggeri salgono. Eppure ciò non si fa in quella vecchia foto, perché per la foto era più bello fare il contrario: se scatti la foto dal centro della piazza, i postiglioni scompaiono sullo sfondo. Il lato sinistro è più bello. Lo scopri solo se inizi a ricostruire una foto del genere. Per ricreare quel record, furono chiamati i cocchieri delle Scuderie Reali dell'Aia, perché guidare una squadra dalla sella, quindi come postiglione è davvero solo qualcosa che puoi ancora imparare lì. Bryan Vader, ad esempio, può farlo e prende il comando dalle retrovie. Marco Looye conosce anche la guida cosiddetta à la Daumont come ex cocchiere delle Scuderie Reali come nessun altro e ha lui stesso un quattro in mano grigi. Ma i suoi cavalli sono troppo capricciosi per farlo, motivo per cui i quattro cavalli sono stati noleggiati dalle scuderie Joosen di Breda. E poi un driver davanti, questo aveva una ragione. Perché un calèche non ha posto a sedere, in modo che i passeggeri abbiano una visuale libera e gli spettatori lungo la strada possano vederli bene, in modo che non ci sia più spazio sulla carrozza per i groom - due valletti si siedono sul retro per tenere le porte . Lo stalliere, in realtà il groom a cavallo, avanza a cavallo per sgombrare la strada. Non appena l'attacco è alla porta di casa, il cavaliere - nel nostro caso Melissa Ransquin di Ternat - gira il suo cavallo verso la carrozza per salutare contemporaneamente con i postiglioni. E con ciò è stata ricostruita anche questa foto, per la quale anche uno dei lacchè sul retro è stato 'preso in prestito' dall'Aia.


La signora & l'Impressione

Non ci sono foto di quel periodo dello Spider-Phaeton. Ma durante il restauro abbiamo scoperto che Stephanie, la sorella del barone, aveva quote nella fabbrica olandese -Ingenhoes in De Bilt- dove è stata costruita questa carrozza. È quindi probabile che fosse la sua carrozza. E durante i periodi in cui Stephanie soggiornava a De Haar, davanti alle carrozze c'erano i cavalli sauri. Ancora una volta, è plausibile che non abbia guidato lì con una grigia, ma con una saura. In quest'ottica è stata ricostruito l'attacco di Stephanie van Zuylen van Nijevelt. Non molto lontano, a Breukelen, Melissa van den Heuvel possiede una lussuosa saura, quella che si chiama Imposant. E cosa potrebbe esserci di meglio con una carrozza sportiva dall'aspetto femminile come il Spider-Phaeton, di una "signora di classe" e un cavallo che lascia il segno?. È l'eleganza al suo meglio, poiché questa non era fuori luogo a De Haar intorno al 1900. Che uno Spider-Phaeton possa essere un po' stravagante, altrimenti che lo sia il Victoria-Grand Duc (di Snutsel di Bruxelles) con un cocchiere sulla cassa. Quel cocchiere e lo stalliere dietro devono fare il loro lavoro con modestia in quanto sono servitori. Paul De Meuter ed Eric Oltmans sono venuti da Ternat in Belgio per questo compito con i loro purosangue spagnoli. Hanno pensato che fosse speciale da fare. "Dopotutto abbiamo fatto la storia", afferma con orgoglio Eric in seguito. In ogni caso, almeno la storia è stata rivissuta. Naturalmente, il ritorno delle quattro carrozze al castello di De Haar, vicino a Utrecht in Olanda, non riguarda lo scatto di due foto, anche se l'ora è stata fissata per la mattinata. È molto più importante che i rappresentanti dei fondi che hanno dato un contributo finanziario al restauro e i responsabili politici nel settore del patrimonio, ovvero gli ospiti invitati, scoprano l'importanza di "una carrozza" e come un tale oggetto museale possa attirare l'immaginazione . Ciò è assolutamente necessario, perché sebbene si presti molta attenzione agli edifici monumentali, ai gobelin alle pareti o ai dipinti di antichi maestri, le carrozze di De Haar sono almeno altrettanto preziose per raccontare la storia "di allora" e hanno bisogno di sostegno. Questo è stato uno dei progetti avviati ed eseguiti dalla Dutch Horse Drawn Heritage Foundation (www.hippomobielerfgoed.nl)

47 visualizzazioni