Stiching Hippomobiel Erfgoed Olanda Restauro di 4 carrozze calech, grand duc, char a' bancs, phaeton








Barons van Zuylen van Nijevelt van de Haar .

Proprietari del castello de Haar vicino Utrecht. Le carrozze sono state restaurate recentemente da Stichting Hippomobiel Erfgoed e saranno esposte al castello che è anche museo.

Negli ultimi due anni, quattro carrozze speciali di Kasteel de Haar sono state restaurate . Esse, con un'età di quasi un secolo e mezzo, possono essere ammirate il ​​31 ottobre durante il 'Rijtuigen van de Haar'.L'ex trasporto a Kasteel de Haar prende vita.

Si potranno vedere al seguito Calèche, Grand Duc, Jachtbreak e Napoleon Phaeton, proprio come accadde al tempo del barone Etienne van Zuylen van Nijevelt e di sua moglie Hélène de Rothschild. La coppia ha guidato da sola quattro o anche sei cavalli nel parco di Kasteel de Haar. Quelle immagini rivivranno. In questo evento speciale e unico, un pubblico - limitato a causa di misure coronavirus - riceverà una spiegazione da esperti.Oltre alle quattro carrozze della "propria" rimessa, verso mezzogiorno si potranno ammirare nel parco una dozzina di carrozze del Private Driving Club, compagnia di appassionati di carrozze.

Il Napoleon, una delle quattro carrozze in questo progetto di restauro della Hippomobile Heritage Foundation, aveva raggi allentati. Le ruote erano troppo asciutte. Semplicemente paragonata a un'auto: le ruote non sono più in equilibrio, e per di più traballanti. Prima di allora, rimaneva solo una cosa: accorciare leggermente i pneumatici della ruota di ferro e restringerli di nuovo.

È forse il lavoro più noto del cartwright, riscaldare il pneumatico nel fuoco del fabbro per espandersi. L'espansione offre proprio quel poco spazio necessario per mettere il pneumatico attorno a una ruota di legno. Dopo che il ferro si è raffreddato con abbondante acqua fredda, il ferro si restringe attorno al bordo di legno. Ciò non richiede scienza missilistica, ma grande maestria, perché se il pneumatico esce dal fuoco troppo caldo, il legno brucia, se il pneumatico è ancora troppo freddo, puoi solo batterlo con la forza. Piet Stolk potrebbe essere l'ultima persona ad avere tanta sensibilità per questo : dopo il riassetto la vecchia vernice è rimasta intatta sulla ruota della carrozza.

“Non pensiamo in termini di tempo, pensiamo in termini di come faremo questo lavoro correttamente. E sono felice quando le cose vanno secondo i piani ”, non è molto professionale la questione di quanto tempo ci vuole per 'restringere' di nuovo le quattro ruote. La prima domanda è: si può preservare la vecchia gomma sulle ruote del Napoleon? "La gomma si sta consumando", dice sobriamente la restauratrice Maria Stolk, osservando che la vecchia gomma andrà persa. "Semplicemente non sopravviverà tirandolo fuori dal profilo di ferro e premendolo di nuovo in seguito." Il che solleva immediatamente una seconda domanda, se il restringimento dei pneumatici delle ruote sia necessario per questo pezzo da museo. Il comitato per il restauro ha considerato questo. Il giudizio è che una carrozza del genere arriverà solo nel prossimo secolo su ruote solide, quindi una buona base. Un edificio monumentale senza fondamenta adeguate prima o poi crollerà. Ma Stolk è incaricato di ridurre al minimo i danni . “Per proteggere il più possibile la pittura storica, abbiamo preventivamente applicato uno strato protettivo impermeabile reversibile. Lo togli di nuovo dopo. Inoltre, il pneumatico della ruota in ferro deve essere perfettamente rotondo, dopo che è stato leggermente accorciato ”, dice Maria, che aiuta suo marito Piet quando mette il pneumatico luminoso della ruota attorno alla ruota di legno. “Come aiutante, devo cercare attentamente le fiamme e spegnerle rapidamente, non troppo, perché spesso il pneumatico non è del tutto a posto. Ma l'acqua bollente può anche danneggiare la vernice. Ciò può far diventare la vernice bianca. No, non raffreddiamo con acqua calda, si riscalderà automaticamente ".

Dopo che le ruote sono tornate saldamente insieme, si accende una nuova gomma. “Fortunatamente, avevamo ancora in magazzino la misura speciale delle ruote Napoleon. La pressatura della gomma è un lavoro duro, anche con la nostra pressa artigianale. È importante riempire completamente di gomma il profilo del tallone della fascia di ferro. Non dovresti tirare la gomma durante l'inserimento, ma piuttosto cercare di spingerla dentro. Se non lo fai, dopo un po 'si aprirà uno spazio tra le due estremità. " L'azienda Stolk è fiduciosa nella qualità del lavoro: “Quanto durerà la ruota? Sì, dipende interamente da come lo affronti. Se metti la carrozza in giardino, stimo due anni. In una rimessa per le carrozze senza riscaldamento e tarli, forse altri cento anni. "

Le quattro carrozze di questo progetto provengono dalla direzione di Borg e dal National Carriage Museum Nienoord e saranno in prestito a lungo termine a Kasteel De Haar . Questo progetto è stato reso possibile in parte da VZW Pater David, Prins Bernhard Cultuurfonds , Bonhomme Tielens Foundation , VSB Fund , Mondriaan Fund e Castle de Haar Foundation. La Hippomobile Heritage Foundation supervisiona la realizzazione e si occupa della comunicazione.




Owners of the castle de Haar near Utrecht. The carriages were recently restored by Stichting Hippomobiel Erfgoed and will be on display at the castle which is also museum.

In the last two years, four special carriages of Kasteel de Haar have been restored. They, aged almost a century and a half, can be admired on the 31st of October during the 'Rijtuigen van de Haar'. The former transport to Kasteel de Haar comes to life.

You will see in tow Calèche, Grand Duc, Jachtbreak and Napoleon Phaeton, just as happened at the time of Baron Etienne van Zuylen van Nijevelt and his wife Hélène de Rothschild. The couple drove four or even six horses in Kasteel de Haar Park alone. Those images will live on.

In this special and unique event, an audience - limited due to coronavirus measurements - will receive an explanation from experts. In addition to the four carriages of the "own" boathouse, around noon you can admire in the park a dozen carriages of the Private Driving Club, a company of carriages enthusiasts.

The Napoleon, one of four carriages in this restoration project of the Hippomobile Heritage Foundation, had loose rays. The wheels were too dry. Simply compared to a car: the wheels are no longer in balance, and more so wobbly. Before that, there was only one thing left: slightly shorten the tires of the iron wheel and narrow them down again.

It is perhaps the best known work of the cartwright, heating the tire in the blacksmith's fire to expand. The expansion offers just that little space to put the tire around a wooden wheel. After the iron has cooled with plenty of cold water, the iron narrows around the wooden edge. This does not require rocket science, but great mastery, because if the tire comes out of the fire too hot, the wood burns, if the tire is still too cold, you can just beat it by force. Piet Stolk may be the last person to have such sensitivity for this: after the reorganization the old paint remained intact on the wheel of the carriage.

"We don't think in terms of time, we think in terms of how we do this job properly. And I'm happy when things go according to plan, "it's not very professional the question of how long it takes to 'restrict' the four wheels again. The first question is: can you preserve the old rubber on Napoleon's wheels? "The rubber is being worn out," says restorer Maria Stolk soberly, noting that the old rubber will be lost. "He just won't survive by pulling him out of the iron profile and pressing him again afterwards." Which immediately raises a second question, whether the narrowing of the tires of the wheels is necessary for this museum piece. The restoration committee considered this. The judgment is that such a carriage will arrive only in the next century on solid wheels, therefore a good base. A monumental building with adequate foundations will collapse sooner or later.

But Stolk is in charge of minimizing the damage. "To protect the historical painting as much as possible, we have previously applied a reversible waterproof protective layer. Take it off again later. In addition, the iron wheel tire must be perfectly round, after it has been slightly shortened," says Maria, who helps her husband Piet when he puts the bright tire of the wheel around the wooden wheel. As an aide, I have to carefully search the flames and extinguish them quickly, not too much, because often the tire is not quite in place. But boiling water can also damage the paint. This can turn the paint white. No, let's not cool down with hot water, it will automatically warm up."

After the wheels are firmly back together, a new rubber is turned on. "Luckily, we still had the special size of Napoleon wheels in stock. Pressing the rubber is hard work, even with our handcrafted press. It is important to completely fill the profile of the heel of the iron band with rubber. You should not pull the rubber during insertion, but rather try to push it in. If you do not, after a while a space will open between the two ends. "

The four carriages of this project come from Borg's management and the National Carriage Museum Nienoord and will be on long-term loan to Kasteel De Haar. This project was made possible in part by VZW Pater David, Prins Bernhard Cultuurfonds, Bonhomme Tielens Foundation , VSB Fund , Mondriaan Fund and Castle de Haar Foundation. The Hippomobile Heritage Foundation oversees the implementation and deals with communication.

Hippomobiel erfgoed fb 12 ottobre

0 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Non esitare a contattarci per qualsiasi informazione, curiosità, iniziativa tu voglia intraprendere

Risponderemo nel piu' breve tempo possibile

Do not hesitate to contact us for any information, curiosity, initiative you want to undertakeWe will reply as soon as possible

© 2020 by Paola Corsaro

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now